Quando la scuola è casa e la casa è scuola, quali regole prevalgono?

Giocattoli che assomigliano ad armi. Sostenuti senza scarpe. Simbolismo problematico fuori dalla vista. Animali che vagano per la stanza. Ognuno di questi è lontano dalle regole nella maggior parte delle aule di studio americane. Eppure, era allora che la maggior parte dei sostituti americani erano davvero all’interno delle scuole.

Come si decifrano norme come queste quando tutti accedono da casa? Le scuole stanno combattendo per risolverlo questo autunno – un’altra variazione richiesta agli istruttori durante la pandemia Covid.

Nel mondo del guadagno da casa, gli educatori e gli specialisti possono facilmente immaginare il contatto tra l’ampliamento della normale disciplina da casa negli spazi già privati ​​dei giovani.

Gli studenti sarebbero in grado di avere striscioni evidenti nella fondazione a sostegno di sviluppi sociali o politici che altri non possono fare a meno di contraddire o scoprire bigotti? Sarebbero in grado di indossare indumenti a casa che sono vietati dalle famiglie? In che modo un educatore può reagire quando un sostituto dice o realizza qualcosa che l’insegnante considera sconsiderato, ostile o minante?

A settimane dall’inizio del semestre autunnale, un numero crescente di autorità scolastiche sta esplorando queste situazioni nebulose.

In Colorado, Maryland e Pennsylvania, i direttori scolastici hanno sollecitato la polizia a ricercare eventi separati da fucili ad aria compressa, armi BB e un presunto fucile evidente nel video che si prende cura dalle case dei sostituti. Le attività sollevavano obiezioni sul fatto che fossero esplose in qualcosa che non minava né quei sostituti né i loro compagni di scuola.

C’è altro. Una regione scolastica della Florida ha garantito l’esame di un ovvio sostituto della scuola secondaria che urlava insulti razzisti durante una riunione di classe virtuale. Un istruttore del Texas è stato messo in congedo dopo che i tutori hanno visto che la sua stanza virtuale era finita con striscioni (virtuali) a sostegno dei diritti LGBTQ e dello sviluppo di Black Lives Matter.

“Quindi molti dei nostri principi legali per il discorso a scuola dipendono dall’idea che c’è un desiderio limitato di sicurezza quando sei a scuola, e positivamente il desiderio di protezione a casa tua è significativamente più ampia”, dice Miranda Johnson, capo dell’Education Law and Policy Institute presso la Loyola University.

“Penso che, alla luce della situazione attuale, dobbiamo essere veramente consapevoli dei modi con cui l’ordine si sta diffondendo nel clima domestico”, dice.

Suggerisce che i capi di istituto valutino se l’attività di un sostituto sconvolge l’apprendimento e, nella remota possibilità che lo faccia, cerca un approccio per affrontarla uno contro uno.

“Un obiettivo definitivo dovrebbe essere quello di mantenere una distanza strategica dai risultati correttivi o di esclusione, dal momento che i sostituti hanno appena avuto la loro formazione sconvolta da varie prospettive”, dice Johnson.

È difficile quando le linee sono così oscurate. Principi che non sono mai stati messi in discussione all’interno delle classi scolastiche hanno provocato contraccolpi in alcune reti. Tramite i media basati sul web, i tutori e gli educatori hanno deriso le disposizioni delle regole sull’indossare scarpe, tenere gli animali fuori dalla vista o limitare cibo e bevande durante gli esercizi virtuali. È, affermano, la scuola che va troppo lontano e si avventura in spazi privati.

Angela McByrd, un’istruttrice di misurazioni alla Mansueto High School di Chicago, afferma di essere stata spaventata dai lunghi record standard condivisi da diversi istruttori nei gruppi di Facebook per insegnanti.

Mansueto è importante per l’organizzazione Noble Charter Schools, nota per il suo quadro basato sui difetti che autorizza una severa regolamentazione sull’abbigliamento e diverse linee guida. McByrd ha detto che gli istruttori hanno iniziato a opporsi a tale approccio prima della pandemia e hanno chiesto più misericordia mentre si organizzavano per l’apprendimento virtuale questo autunno.

Nel momento in cui sono iniziate le sue lezioni per il mese in corso, McByrd ha rivelato ai suoi studenti delle scuole superiori che si faceva affidamento su di loro per interessarsi agli esercizi di classe, ma non avrebbe avuto bisogno di videocamere accese. Aveva bisogno di consolare costantemente alcuni sostituti che non c’erano ragioni valide per indossare i loro abiti tipici.

Le scuole di tutta la nazione che dipendono dall’apprendimento virtuale stanno adottando strategie diverse per le regole e il controllo. Alcuni hanno preso nuove disposizioni; altri hanno scelto gli standard esistenti per i sostituti diretti che sarebbero autorizzati, comprese le normative sull’abbigliamento.

I sostenitori, tuttavia, sottolineano che numerose scuole andranno prima a sospensioni o rimozioni, ignorando il lavoro nei momenti salienti che consentono agli istruttori di uccidere l’amplificatore o la telecamera di un sostituto fastidioso mentre ancora consentono alla persona in questione l’ammissione all’esercizio.

“Gli Understudies riservano un’opzione per andare a lezione, e allo stesso modo si riservano il privilegio di comunicare senza riserve”, afferma Johanna Miller, capo del Centro per le politiche educative del New York Civil Liberties Union. “Inoltre, questi diritti possono entrare in pressione l’uno con l’altro … Tuttavia, ci sono diversi approcci per gestire le cose senza dire a quel ragazzo: ‘Dal momento che hai occupato individui, non potrai mai più essere essenziale per questa classe'”.

Dipendenzasu sospensioni o espulsioni potrebbe essere particolarmente dannoso per i sostituti che sono neri e latini e devono affrontare in modo verificabile un controllo successivo per aver abusato delle regole scolastiche, afferma Andrew Hairston, supervisore del progetto School-to-Prison Pipeline al Texas Appleseed. Il raduno si è unito ad altri gruppi di promozione che si avvicinavano al Texas al divieto di espulsioni o sospensioni durante la pandemia.

“Nel caso in cui noi adulti prevediamo che i nostri capi e i nostri compagni debbano concederci delle pause durante questa pandemia … per avere la possibilità di utilizzare il bagno, bere acqua e riposare, dovremmo ampliare quella spontaneità per i giovani “, Ha detto Hairston.

Alla fine, la scomoda linea che oscura tra scuola e casa – e fonde queste varie linee guida in un modo che si adatta alle occasioni non comuni – è transitoria. Non molti sostituti o istruttori prevedono che una metodologia alternativa dovrebbe governare la scuola quando l’adattamento di persona si trasforma di nuovo nello standard.

Fino a quel momento, nonostante, gli individui che istruiscono i sostituti e distribuiscono l’ordine dovrebbero esplorare una scena istruttiva incerta e in continuo movimento.

“Mi rendo conto che alcune scuole affermano:” Gentile, dobbiamo dare ai sostituti una sensazione di routine “”, afferma McByrd, l’insights educator di Chicago. “Tuttavia, è così naturale che le persone trascurino che le occasioni in cui ci troviamo attualmente non sono tipiche. Inoltre, questa è un’opportunità per noi di tentare di fare le cose in un modo diverso da quello che abbiamo fatto prima”.

Leave a Reply